Lorem ipsum dolor sit amet, et duo posse constituam vituperatoribus ne eam.

News Eventi
Copyright Microcast 2019

Processo produttivo

Il processo di fusione

a cera persa | Principi

Il processo di Fusione a cera persa “Investment Casting” è stato utilizzato fin dai tempi antichi per la produzione di strumenti ed oggetti vari in bronzo. Successivamente nell’antica Grecia il processo venne utilizzato anche in ambito artistico perdurando per molti secoli in tale applicazione. Una sostanziale evoluzione della tecnologia si realizzò negli USA durante la Seconda Guerra Mondiale per la produzione di palette per turbine per i primi aerei a reazione. Negli anni ’50 la tecnologia sbarcò in Europa trovando vantaggioso impiego in numerosi settori industriali.

Le 10 fasi del processo:

  • Iniezione della cera: tramite presse di ultima generazione si inietta all’interno di uno stampo metallico della cera liquida; una volta solidificata, la cera viene estratta dallo stampo ottenendo così il modello del particolare.
  • Montaggio del grappolo: i modelli in cera vengono montati, tramite saldatura, su un telaio anch’esso di cera dando forma al “grappolo” in modo da favorire la manipolazione dei modelli nelle fasi successive del processo.
  • Formatura (immersione): il grappolo viene immerso in una soluzione ceramica liquida con l’ausilio di un sistema robotizzato

  • Formatura (Sabbiatura): una volta uniformato lo strato liquido e fatto sgocciolare il fluido in eccesso, si procede ad una sabbiatura a pioggia con sabbie ceramiche fini a granulometria crescente ricoprendo l’intero grappolo creando così un rivestimento ceramico. La sovrapposizione di svariati strati intervallati da alcune ore di essicazione creano un guscio solido e resistente
  • Evacuazione cera: Terminata la formatura del guscio, si procede alla rimozione della cera in autoclave tramite evacuazione, ossia sciogliendo la cera presente sotto gli strati di ceramica.
  • Cottura e colata: I grappoli ormai svuotati della cera all’interno, vengono sottoposti ad una fase di cottura e preriscaldo fino al raggiungimento della temperatura ideale per la fase di colata della lega. La colata viene effettuata tramite forni fusori ad induzione elettromagnetica utilizzando anche la tecnica “Rollover” (colata a ribaltamento).
  • Distaffatura e troncatura: Una volta raffreddato il grappolo, viene fratturato il guscio ceramico tramite vibrazione. Si procede quindi alla separazione dei componenti dalla materozza ed alla relativa sbavatura dei canali di colata.
  • Finitura lavorazioni meccaniche e trattamenti: i particolari vengono rifiniti nei minimi dettagli ed inviati alla fase di lavorazione meccanica, se richiesta ed alla fase di trattamento termico e/o superficiale.
  • Controlli e calibrazioni: completate le operazioni si procede alle calibrazioni, raddrizzature ed ai controlli sia distruttivi che non; sempre in accordo con le specifiche richieste del cliente.
  • Confezionamento e spedizione: terminata la fase produttiva e di controllo, i componenti vengono oliati, confezionati e consegnati al cliente secondo le metodologie logistiche prestabilite.

Leggi di più